Mercoledì, 25 Luglio 2018 00:58

Quando i nodi vengono al pettine sulla testa di noi glabri.

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Tutti i nodi vengono al pettine. Anche sulla testa di chi i capelli non li ha più da tempo.
33 km in una volta posson bastare. Ripetersi a nemmeno 24h dalla prima performance era, più che altro, l'ultimo tentativo estremo di credere nelle favole. Meglio così, torno coi piedi per terra, colmi di bolle, di vesciche e ammetto il mio limite umano, di cui tra l'altro ne sono pienamente consapevole.
Modifichiamo programmi e tabelle d'allenamento dandogli una parvenza più genuina e concreta. Oggi doveva essere la volta per effettuare una corsa distensiva da Abbadia Lariana a Colico. I piani sono saltati subito. Stamattina ho dimenticato a casa il Gps. Se non altro utile per rivedere l'istantanea "Relive" del percorso.
Partito da Abbadia, il poblema primo, che mi ha accompagnato per tutto il tragitto, è stato quello di dover correre sulla provinciale a ciglio strada. Non è né un'idea intelligente né distensiva. Purtroppo era l'unica. Non solo il traffico automobiistico mette in soggezione, ma la presenza di buche nascoste che inglobano e rovesciano il piede, aggiungono ulteriore suspance a questo viaggio più simile a un film horror che a una passeggiata fuori porta. Comunque il lago è sempre il lago. Esattamente come il treno è sempre il treno: bello e spettacolare. Passare in auto da questi luoghi e osservarli lentamente a piedi sono cose assolutamente diverse tra loro. La buona sorte ha voluto che decidessi di porre il mio limite quotidiano a Varenna. Ho avuto modo di fare qualche fotografia, ma la situazione, specie ora in estate, è quella delle più classiche atmosfere dei film di Richard Curtis. Insomma, l'ego podistico va a farsi benedire e gia si sognano we con la mia dolce metà a gustarsi una piacevole colazione in piazzetta. Domani rimetterò i panni da podista disperato. Riprendo in mano le mie ambizioni e correrò i 20 km che separano Varenna da Colico che ho lasciato oggi per strada.

 

Letto 472 volte Ultima modifica il Giovedì, 26 Luglio 2018 07:22

Articoli correlati (da tag)

  • Meda-Lecco, 33km e chiedersi perché. Meda-Lecco, 33km e chiedersi perché.

    La prima tappa di cinque che porteranno a Livigno è stata corsa. Erano anni che non mi cimentavo in una distanza così imoegnativa: 33 km.
    Come da pogramma ho effettuato una seduta d'allenamento di ripetute in stile Piramidale 1,2,3,4,5,4,3,2 km con 1 km di recupero tra le prove oltre ai 2 km di riscaldamento iniziali. Di certo la quantità ha avuto la meglio sulla qualità. Ritmi piuttosto scarsi quelli di oggi, ma che riflettono totalmente il mio stato di forma. Mi compiaccio tuttavia per la tenuta in corsa che non era poi così scontata. Il caldo, la mancanza d'idratuazone per tutta la distanza e la stanchezza generale, hanno fatto si che al termine della corsa accusassi un completo stato di sfiancamento e di bisogno di bere e di bere e di bere ancora. Le gambe, ora che è sera e che scrivono, tutto sommato, sembrano poter reggere la seconda tappa di domani. Cercherò di gestirmi diversamente, prevedendo un rifornimento a metà percorso e provando a correre in maniera più sciolta. le scarpe ai mè sono da prendere e buttare, completamente scariche e fliaccide. Ma devo fare economia in questo periodo. Infine la domanda essenziale: ha veramente senso tutto questo e potrà servirmi a qualcosa?
    Ai futuri post, ora si dice così, l'ardua sentenza.
    Vi lascio al link del Relive di quest'oggi, effetto che apprezzo molto e che concede qualche piccola soddisfazione momentanea. https://www.relive.cc/view/g22992842812
    A domani con la 2° tappa: Abbadia Lariana - Colico, 33,7km a velocità di crocera.
    Chiunque volesse seguire il live della corsa, può farlo iscrivendosi al gruppo su WhatsApp: L.T.T. Meda-Livigno 189km" inviando un messaggio, sempre su WhatsApp al +39 347 5757103, con scritto: "LTT 189k", provvederò ad aggiungervi per tempo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.