Domenica, 25 Giugno 2017 16:47

Due chiacchiere con ANDREA GORNATI organizzatore RUNNNING STAGE a Livigno.

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Andrea Gornati è uno dei più giovani e apprezzati organizzatori di stage di corsa estivi e non solo. Nella splendida cornice della Valle di Livigno, zona franca in Valtellina, da diversi anni ormai grazie ai “Running Stage” offre la possibilità di trascorrere una vacanza all’insegna dello sport e del totale relax dedicata sia ai runners più esigenti sia a chi ha da poco iniziato a correre.

Ciao Andrea, organizzare uno stage, rapportarsi con numerose persone contemporaneamente, fare in modo che tutto sia perfetto e non ci siano intoppi per i tuoi ospiti, per loro una vacanza e per te?
Anche se si tratta di lavoro, per me è prima di tutto un grande piacere! Stare in un posto così bello e stimolante e avere a che fare ogni giorno con tanti sportivi appassionati di corsa (come lo sono io) è per me un grandissimo privilegio. Mi impegno ogni giorno a fare sempre del mio meglio, mettendo a disposizione del partecipante tutto me stesso per potergli regalare la migliore esperienza possibile. Amo trasmettere agli ospiti la mia grande passione per la corsa (e per la vita) e lo faccio sempre nel modo più naturale possibile. Metto tutto il mio tempo a loro disposizione: spesso anche un pranzo o una cena diventano un momento per approfondire alcuni aspetti della corsa. Credo che nei miei stage, senza togliere nulla agli altri bravissimi organizzatori, ci si diverta moltissimo.
Da quanto tempo proponi i tuoi stage e come si sono evoluti nel corso degli anni?
Iniziai nel 2011 con il mio amico Andrea Re, istruttore di Triathlon e campione del mondo di canottaggio. Ricordo che alla prima esperienza vennero a trovarci amici e amici di amici. Fu magnifico! Nel corso degli anni ne ho organizzato molti altri, non solo a Livigno ma anche in Trentino, Varazze, Salice Terme e in tante altre località, come quella volta in Sud Africa con la collaborazione della mia grande amica Valeria Straneo. Ogni anno ci sono novità e cose nuove, da fare e da dire. Il mondo del running corre veloce ed è in costante crescita ed evoluzione. Chi non si aggiorna, perché crede di sapere già tutto, è in realtà l’analfabeta del terzo millennio
Da dove provengono i tuoi ospiti?
Da tutta Italia e in alcuni eventi persino dal Regno Unito.
La Lombardia è senz’altro la regione che porta più partecipanti, ma anche Veneto e Piemonte non sono tanto da meno. Ogni anno do un premio a chi arriva da più lontano…
Perché venire proprio a Livigno a correre e a trascorrere le vacanze?
Perché Livigno è il Paradiso per chi ama lo sport all’aria aperta. Abbiamo scelto Livigno in quanto questo luogo è meta dei raduni estivi in quota delle squadre nazionali di maratona, marcia, ciclismo e canottaggio per via delle sue caratteristiche geografiche, climatiche e per i meravigliosi percorsi sui quali allenarsi. Capita spesso, mentre ti alleni sulla fantastica ciclabile di Livigno, di incrociare campioni del mondo e medaglie olimpiche di ogni nazionalità. Esiste un posto migliore per correre?
Se tu potessi scegliere che cosa cambieresti di Livigno e che cosa assolutamente non muteresti mai?
Non cambierei assolutamente nulla, Livigno va bene così. Certo la strada per arrivare alla piccola Tibet non è delle più scorrevoli, ma forse è giusto così!
Manca solo la pista di atletica (che dovrebbe venir pronta a breve). Ma sono dettagli, come detto Livigno va benissimo così come è.
Grazie Andrea, buon corse e a questo punto buone vacanze

Scopri tutte le novità e le informazioni dei “Running Stage” su www.running4you.org
Foto Andrea Gornati

Letto 927 volte Ultima modifica il Lunedì, 26 Giugno 2017 09:11

Articoli correlati (da tag)

  • Meda-Lecco, 33km e chiedersi perché. Meda-Lecco, 33km e chiedersi perché.

    La prima tappa di cinque che porteranno a Livigno è stata corsa. Erano anni che non mi cimentavo in una distanza così imoegnativa: 33 km.
    Come da pogramma ho effettuato una seduta d'allenamento di ripetute in stile Piramidale 1,2,3,4,5,4,3,2 km con 1 km di recupero tra le prove oltre ai 2 km di riscaldamento iniziali. Di certo la quantità ha avuto la meglio sulla qualità. Ritmi piuttosto scarsi quelli di oggi, ma che riflettono totalmente il mio stato di forma. Mi compiaccio tuttavia per la tenuta in corsa che non era poi così scontata. Il caldo, la mancanza d'idratuazone per tutta la distanza e la stanchezza generale, hanno fatto si che al termine della corsa accusassi un completo stato di sfiancamento e di bisogno di bere e di bere e di bere ancora. Le gambe, ora che è sera e che scrivono, tutto sommato, sembrano poter reggere la seconda tappa di domani. Cercherò di gestirmi diversamente, prevedendo un rifornimento a metà percorso e provando a correre in maniera più sciolta. le scarpe ai mè sono da prendere e buttare, completamente scariche e fliaccide. Ma devo fare economia in questo periodo. Infine la domanda essenziale: ha veramente senso tutto questo e potrà servirmi a qualcosa?
    Ai futuri post, ora si dice così, l'ardua sentenza.
    Vi lascio al link del Relive di quest'oggi, effetto che apprezzo molto e che concede qualche piccola soddisfazione momentanea. https://www.relive.cc/view/g22992842812
    A domani con la 2° tappa: Abbadia Lariana - Colico, 33,7km a velocità di crocera.
    Chiunque volesse seguire il live della corsa, può farlo iscrivendosi al gruppo su WhatsApp: L.T.T. Meda-Livigno 189km" inviando un messaggio, sempre su WhatsApp al +39 347 5757103, con scritto: "LTT 189k", provvederò ad aggiungervi per tempo.

  • LTT: Long Travel Training, ovvero è ora di partire per le vacanze. LTT: Long Travel Training, ovvero è ora di partire per le vacanze.

    LTT

    LTT è l'acronimo di Long Travel Training da me coniato.


    Di cosa si tratta.

    Ho deciso di sfruttare i giorni precedenti al mio soggiorno estivo a Livigno, per effettuare un avvicinamento a tappe tutto di corsa.

    Il lungo viaggio che separa casa dal mio approdo vacanziero diventerà quindi teatro d'allenamento.


    Cosa prevede.

    189 km, da Meda a Livigno, spezzati e percorsi in 5 tronconi:

    1. 24/07 Meda - Lecco: 32,2 km

    2. 25/07 Abbadia Lariana - Colico: 33,7 km

    3. 26/07 Dubino - Sondrio: 36 km

    4. 27/07 Sondrio - Tirano: 26,4 km

    5. 28/07 Brusio - Livigno: 43 km


    Come viene impostata la corsa.

    Le distanze previste quotidianamente non sono proibitive eccetto per l'ultima tappa che condurrà al passo Forcola per poi scendere in valle. Il dislivello complessivo di questa 5 giorni si aggira intorno ai +3576 m. Tuttavia è da diverso tempo che non carico le gambe quotidianamente con chilometraggi elevati e sarà quindi questa l'incognita da tenere sotto osservazione.

    Ho previsto di far rientrare all'interno di ogni giornata un allenamento specifico secondo questa sequenza.

    - 1° tappa: 2 km riscaldamento + ripetute (1+2+3+4+5+4+3+2) km con 1 km di recupero tra le prove

    - 2° tappa: lungo in progressione

    - 3° tappa: 10 km riscaldamento + fartlek (5'v+2'l) x 20 + recupero

    - 4° tappa: 3 km riscaldamento + 2 x 10 km + recupero

    - 5° tappa: ascesa lineare


    Perché cimentarsi in questa fatica.

    Al di là dell'utilità o meno di ciò che mi propongo, il desiderio di fare questa cosa nasce da lontano. Non è la prima volta che per raggiungere una località lo faccia di corsa, ma non è mai avvenuto per distanze così ampie. Nell'ormai lontano 2009 e 2013, avevo fatto voto che se avessi partecipato ai Deaflyimpics game, le Olimpiadi dei sordi, (www.deaflympics.com) avrei raggiunto il santuario di Castelmonte, sopra Cividale del Friuli, di corsa. Non venni convocato, nonostante i meriti sportivi e tutto saltò. Ma non la voglia di provare ciò che per me rimane una piccola impresa da affrontare.

    Andare a Livigno sarà dunque un aperitivo e un test per correre fino a Castelmonte (428 km) e per ridami un tono dal punto di vista atletico, visto che di fare gare non ne voglio parlare al momento.

     

    Sarebbe bello e utile poter aver il supporto di qualche sponsor tecnico e finanziario per sostenermi in questa fase.

    Inoltre chiunque volesse aggregarsi per correre assieme una o più tappe è il benvenuto.

    I miei contatti sono noti, ma li ripeto per chi decidesse di considerare la sponsorizzazione o la corsa in compagnia.

    Su www.ciaorunner.com inoltre potrete trovare l'evento relativo con le informazioni del caso.

     

    Marco Frattini

    347 5757103 WhatsApp o Messenger (causa sordità)

    mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

     

    Buone corse e buone Vacanze a tutti.

     

     

  • Cosmo AFRICA&SPORT, special edition 2017 Cosmo AFRICA&SPORT, special edition 2017

    E' stata una di quelle occasioni che non ti aspetti. Correre, allenarsi lungo le strade e i sentieri di casa propria ormai usurati dalla quotidianità, accanto agli invincibili campioni Keniani. E' così che abbiamo dato vita al nostro set fotografico itinerante, ormai ben due settimane orsono, creando di certo curiosità a Meda e tra i frequentatori abituali del parco 2 Giugno alla Porada a Seregno. L'occasione per mettere in bella mostra il nuovo bandana "Cosmo AFRICA&SPORT" special edition 2017 e parlare assieme a Marco Rampi, presidente dell'associazione omonima, del progetto casa "AFRICA&SPORT" è stato apprezzata da tutti i partecipanti. Abbiamo dato ulteriore sostanza, se mai ce ne fosse stata il bisogno, alla collaborazione che ci vede accanto all'associazione AFRICA&SPORT creando un prodotto che possa essere un reale contributo a sostegno dei loro progetti.
    La nuova bandana della nostra collezione è inoltre impreziosita da un book fotografico tascabile di 12 pagine con gli scatti di Marco Ferrario - fotografo, effettuati durante una viaggio missione in Kenia nella località di Kiambogo, sede del team Run2gether che collabora con l'associazione Varesina AFRICA&SPORT. Foto che si raccontano alla vista e che parlano di quell'Africa lontana e leggendaria, capace di dare i natali agli uomini più veloci dell'intero pianeta.
    "Cosmo AFRICA&SPORT" special edition 2017 è disponibile presso gli stand IOVEDODICORSA e AFRICA&SPORT o direttamente nel nostro shop on-line.

    AFRICA&SPORT - info e donazioni:
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    IBAN: IT19D0521610800000000006374

     



     

  • CiaoRunner su Runner's World di Giugno CiaoRunner su Runner's World di Giugno

    CiaoRunner, la nostra Social-App dedicata esclusivamente al mondo del running è su Runner's World di giugno. La rivista più gettonata dagli amanti della corsa, con le sue rubriche, approfondimenti e consigli dedica un ampio spazio al nostro progetto anticipando i grandi lavori in corso che porteranno CiaoRunner a una vera e propria rivoluzione non solo grafica, ma soprattuto nei contenuti. Una nuova vetrina e un bel riconoscimento per il grande lavoro che stiamo affrontando e sostenendo e che siamo certi renderà CiaoRunner una delle app più apprezzate nell'ambito del podismo. Grazie Runner's World.

  • DUE CHIACCHIERE CON GIULIANO GIACOMELLI, Presidente del Comitato Organizzatore del Vigolana Trail DUE CHIACCHIERE CON GIULIANO GIACOMELLI, Presidente del Comitato Organizzatore del Vigolana Trail

    Vigolana Trail è una gara di corsa in montagna giunta alla quarta edizione che si svolgerà domenica 17 giugno.
    Attraverso il sito della gara www.vigolanatrail.it è possibile reperire tutte le informazioni, ma noi siamo curiosi e non ci accontentiamo. Con Giuliano Giacomelli, Presidente del Comitato Organizzatore del Vigolana Trail, proviamo a scoprire qualche dettaglio in più di questo evento lungo le strade e i sentieri che salgono e scendono dai massicci della Vigolana e della Marzola, le due montagne a custodia dell’Altopiano della Vigolana.

    Ciao Giuliano, siamo onesti con te: è la prima volta che sentiamo nominare il Vigolana Trail e l’Altopiano della Vigolana, ma ogni volta che si parla di corsa in montagna, per una sorta di riflesso condizionato, gli occhi ci si illuminano e ne rimaniamo ipnotizzati.
    Anche il Vigolana Trail ha questo effetto?

    Certo che si! I percorsi del Vigolana Trail toccano luoghi del Trentino forse poco conosciuti, ma ricchi di fascino e bellezze!
    Tre percorsi che si sviluppano lungo i sentieri e le forestali che salgono e scendono dai massicci della Vigolana e della Marzola. Queste due montagne custodiscono una vera perla: l’Altopiano della Vigolana. Con i tracciati del Vigolana Trail scoprirete le nostre montagne passando dal fondovalle ai boschi fitti attraverso verdeggianti prati, fino ad arrivare, al limite della vegetazione e ad assaporare la nuda roccia.

    Quali sono i passaggi più impegnativi del percorso e quali quelli più entusiasmanti? 
    E’ una gara che si può consigliare a trailers di qualsiasi livello?
    Il percorso lungo è riservato a chi ha un buon allenamento: 65 km e 4000md+ non sono una “passeggiata” e il percorso ha alcuni tratti anche molto tecnici e impegnativi, soprattutto nella parte iniziale che si svolge sulla Vigolana e che è anche parte del percorso della  “breve”, 35 km e 2.000md+. Questi km sono i più duri ma anche i più belli a livello paesaggistico caratterizzati dai boschi della parte iniziale e, attraversato un territorio “lunare” sulla prima vera salita (una zona dove qualche anno fa ci fu un incendio che ha lasciato il segno sulla vegetazione) si giunge alle cime da cui si possono ammirare i vicini laghi di Levico e Caldonazzo, tutta la Valsugana e la Val d’Adige. Ma quest’anno abbiamo inserito un nuovo percors: il Vigolana Easy Trail. E’ una gara indicata anche ai trailer meno esperti, un’occasione per conoscere i nostri sentieri anche per chi non ha nelle gambe le lunghe distanze o l’esperienza necessaria per affrontare le altre due gare.

    Quali sono i luoghi, le attrattive turistiche o le specialità gastronomica da non perdersi assolutamente da queste parti?
    Un grande giardino alle spalle di Trento, un luogo dove è ancora possibile scoprire antichi borghi con portali in pietra, ballatoi carichi di gerani, prati, boschi e orti coltivati con l’amore e il sapere di un tempo. L’altopiano della Vigolana è un luogo dove è possibile ritrovare un equilibrio tra natura e ritmi personali, ricco di storia, cultura, religiosità e emozioni. Il territorio è un tutt’uno con la natura, le montagne, i boschi, i prati; le località si compongono di piccoli paesi e borghi, ognuno con le sue peculiarità; tanti i monumenti storici, antichi e più recenti; ogni paese ha la sua chiesa, simbolo di partecipazione alla vita non solo religiosa ma sociale. E poi tantissime attrattive anche intorno a noi, tanti tesori da scoprire a pochi minuti dalla Vigolana (il centro storico di Trento si trova solo a 15 km e i Laghi di Levico e Caldonazzo sono a una decina di minuti d’auto). Ma la bellezza dell’Altopiano, montagne, prati, boschi incontaminati forse affascinano talmente tanto da non aver voglia di spostarsi! E ovviamente non mancano i prodotti tipici locali: miele, polenta, smacafam, piccoli frutti d’estate, mele, patate, salumi e strudel…insomma un po’ tutte le specialità tipiche del Trentino!

    C’è qualche consiglio che ti senti di dare a chi viene a correre il Vigolana Trail per la prima volta?
    Uno solo: divertitevi e godetevi i panorami e le bellezze del nostro territorio

    Grazie

    Foto: per gentile concessione Vigolana Trail

     

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.