Martedì, 26 Luglio 2016 04:47

A Roberto Meneghini il primo Fast Gourmet Gold Selection

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

"LaEnegoMarcesina" di domenica 24 luglio è stata l'occasione per attribuire allo Chef Roberto Meneghini il primo titolo Fast Gourmet Gold Selection.
Vogliamo così omaggiare con un riconoscimento tutto nostro quelle realtà e quelle persone che sanno deliziare il nostro palato con portate deliziose.
Cosmo Fast Gourmet, la nostra bandana dedicata al mondo della buona cucina e della gastronomia, diventa così il nostro omaggio più sentito e ci auguriamo gradito, a chi fa della buona tavola, la propria professione e il biglietto da visita più apprezzato e valido.

Roberto Meneghini è Chef e titolare della Trattoria-Albergo Sette Teste (www.sette-teste.it) che abbiamo personalmente incontrato e conosciuto.
"Il martedì qui a Enego è giorno di mercato e in ogni stagione la piazza si riempiva degli allevatori delle nostre contrade e dei mercati di bestiame che salivano dalla pianura. Assistere alle loro contrattazioni era uno spettacolo, ma ancora più bello era stare a sentire le loro storie, quando terminati gli affari, tutti si sedevano alle Sette Teste a consumare un buon piatto di trippe in brodo col pane"
Roberto Meneghini allora era un ragazzo, ma quei racconti e quei sapori, alle Sette Teste vivono ancora". (dalla guida Dodici eccellenti ristoranti per scoprire gli antichi Sette Comuni)

Trattoria Sette Teste
Piazza San Marco, 20 Enego
Tel: 0424 490112
www.sette-teste.it

 

 

Letto 1725 volte Ultima modifica il Mercoledì, 27 Luglio 2016 21:54

Articoli correlati (da tag)

  • Osteria TABARIN: il secondo Gold Selection che non ti aspetti. Osteria TABARIN: il secondo Gold Selection che non ti aspetti.

    In una delle zone Italiane a più alta inflazione di eccellenze gastronomiche la maratona di Reggio Emilia è senza ombra di dubbio l'ultimo evento podistico dell'anno in Italia per numero di presenze e partecipanti. Dalla nascita del brand IOVEDODICORSA è ormai tradizione essere presenti all'expo della maratona Emiliana. Le giornate d'esposizione sono sempre intense e difficilmente si trova la voglia e il tempo di visitare la città che ci ospita. Quest'anno, tuttavia, aver potuto organizzarsi con il giusto anticipo ci ha permesso di trovare ospitalità nel pieno centro della città. Reggio Emilia ha finamente assunto i caratteri di una vera e propria città turistica, vuoi per l'architettura che la contraddistingue, vuoi per l'afflusso e il via vai di persone che riempiono le strade e le piazze. Nutrirsi è una necessità e sapere di essere in una città che ha fatto della cucina un suo cavallo di battaglia placa il dubbio e l'affanno alla ricerca del banchetto più propizio. Ma l'Osteria Tabarin è stata la sorpresa che non ti aspetti. In un ambiente tradizionale, ma curato nei dettagli, cordiale, composto e amichevole si è consumata la riscoperta dei piatti della tradizione Emiliana, senza sconti e senza compromessi per il piacere del palato. Non ci siamo fatti sfuggire tra le altre cose, la possibilità di assaggiare il loro delizioso baccalà fritto, ma nemmeno di premiare con il nostro Fast Gourmet Gold Selection questa bella e dinamica realtà.
    www.osteriapopolare.it per scoprire la storia della cucina popolare dell'osteria Tabarin. Se poi volete farvi un bel regalo, vi consigliamo una gita fuori porta a Reggio Emilia e prenotare il vostro tavolo per essere sicuri di trovare posto direttamente all'Osteria Tabarin a pranzo o a cena e lasciarvi tentare senza esitazione.

    Osteria Tabarin
    Galeria Santa Maria 1/b
    tel: 0522 433394
    www.osteriapopolare.it

    MANIFESTO

    La cooperativa clandestina

    è una cooperativa di lavoro giovanissima:

    Nei nostri ristoranti quasi tutto

    quello che trovate è prodotto da noi

    e usiamo meno del 15% di prodotti surgelati.

    Produciamo pasta fresca.

    Pane e focacce.

    I dolci sono fatti da noi

    ed essendo prodotti artigianali

    a volte non sono perfetti,

    ma ricchi di personalità.

    Siamo testardi ed ostinati

    tanto che il caffè lo serviamo semplice,

    al massimo deca.

    L’orzo? Sì, ma solo in tazza piccola.

    Non siamo una caffetteria e non pretendiamo

    di fare ciò che i bar

    sanno fare meglio di noi.

    I tempi di attesa il fine settimana possono essere più lunghi:

    non siamo un fast food

    e non ci piace lavorare

    come in una catena di montaggio.

     

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.