Lunedì, 08 Febbraio 2016 12:18

RUN THE WORLD per scoprire il mondo di corsa.

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

Run The World è una realtà che riunisce le corse a tappe lungo gli angoli più belli e remoti del pianeta.

 

Chi c’è dietro a Run The World , come è nato questo progetto e cosa si propone?

Run the World è nato da un’idea di Dino Bonelli, poliedrico atleta, organizzatore, fotografo professionista nonché giramondo. Da subito appoggiato nella sua realizzazione dall’inesauribile voglia di organizzare e sperimentare di Alberto Rovera. L’idea era ed è quella di raggruppare in una sorta di network, una serie di gare a tappe (ma non solo), che offrano un certo target organizzativo ma che abbiano come punto comune la loro location in angoli del mondo tra i più suggestivi ed affascinanti.

Tra tutti i luoghi che attraversate di corsa quali sono i più paradisiaci e quali il più aspri?

E’ difficile stilare una classifica in tal senso, tutte le gare hanno le loro particolari caratteristiche di bellezza e asprezza, spesso mischiate tra loro. Un esempio è la  Run Iceland in Islanda la cui terra raggruppa tutto quella che la natura dà e può trasmettere.

 

I vostri eventi richiamano runners da tutto il mondo, come è possibile soddisfare le esigenze di individui e personalità che per tradizioni, religioni e cultura sono differenti tra loro?

Il mondo dei runners non conosce differenze, quando si è in questi magnifici luoghi con la stessa passione ed il comune obiettivo del piacere di correre, non c’è diversità che ostacoli. Si saldano spesso amicizie che durano nel tempo.

 

Come accolgono gli abitanti locali la vostra pacifica invasione?

Fortunatamente non si riscontrano mai difficoltà nel farsi accettare e ben  volere dalle popolazioni locali. Molto spesso al contrario, ci si deve anche impegnare nel

contenere l’esuberanza di chi si incontra, a volte capita di averli entusiasticamente tra i concorrenti. Lo sport ed in particolare questo,  crediamo sia un magnifico modo

di integrazione, fratellanza, pace che abbatte qualsiasi tipo di barriera.

 

Una volta percorsa tutta la terra inizierete a proporre esplorazioni nello spazio?

Tra gli sponsor di Run The World  abbiamo Lavazza che ha portato, per la prima volta nella storia dei viaggi spaziali, un proprio prodotto su una navicella. Sarà stato un caso? Noi non ci poniamo limiti …

 

Grazie Alberto buon viaggio e buone corse

 

 

Letto 1548 volte Ultima modifica il Martedì, 09 Febbraio 2016 10:25

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.