La musica: perché correre è assolutamente rock!

Negli anni del liceo prima e dell'università poi, avevo abbandonato ogni velleità agonistica legata allo sport per la musica, perché nel frattempo iniziai a suonare in una boy-band. Con i compagni di banco Matteo, Alberto e Mauro abbiamo dato vita alle prime jam session musicali. Meo mi passava i biglietti con scritto "Fratta quando si suona" e il Taffu annotava la scaletta dei pezzi da provare. Gli Ox cover-band, fecero presto il loro debutto alle feste del liceo e per oltre 13 anni militarono nei locali di tutta la Lombardia.

Di tanto in tanto uscivo con Cesare a correre: raggiungevamo le piscine di Seregno attraversando i campi e rientravamo a casa.

Un giorno incrociai in treno Gianpaolo. Non ci vedevamo da tanto tempo. Incominciammo a trovarci per correre assieme in settimana e la domenica si andava a fare qualche tapasciata tra le colline della Brianza. Ne abbiamo corso delle belle e messo a regime un'infinità di km. Tornavo dai  concerti a notte fonda e dopo una doccia mi allacciavo le stringhe pronto a salire in auto con il mio socio. Anche Rodolfo era della partita.