Martedì, 24 Luglio 2018 09:59

Meda-Lecco, 33km e chiedersi perché.

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

La prima tappa di cinque che porteranno a Livigno è stata corsa. Erano anni che non mi cimentavo in una distanza così imoegnativa: 33 km.
Come da pogramma ho effettuato una seduta d'allenamento di ripetute in stile Piramidale 1,2,3,4,5,4,3,2 km con 1 km di recupero tra le prove oltre ai 2 km di riscaldamento iniziali. Di certo la quantità ha avuto la meglio sulla qualità. Ritmi piuttosto scarsi quelli di oggi, ma che riflettono totalmente il mio stato di forma. Mi compiaccio tuttavia per la tenuta in corsa che non era poi così scontata. Il caldo, la mancanza d'idratuazone per tutta la distanza e la stanchezza generale, hanno fatto si che al termine della corsa accusassi un completo stato di sfiancamento e di bisogno di bere e di bere e di bere ancora. Le gambe, ora che è sera e che scrivono, tutto sommato, sembrano poter reggere la seconda tappa di domani. Cercherò di gestirmi diversamente, prevedendo un rifornimento a metà percorso e provando a correre in maniera più sciolta. le scarpe ai mè sono da prendere e buttare, completamente scariche e fliaccide. Ma devo fare economia in questo periodo. Infine la domanda essenziale: ha veramente senso tutto questo e potrà servirmi a qualcosa?
Ai futuri post, ora si dice così, l'ardua sentenza.
Vi lascio al link del Relive di quest'oggi, effetto che apprezzo molto e che concede qualche piccola soddisfazione momentanea. https://www.relive.cc/view/g22992842812
A domani con la 2° tappa: Abbadia Lariana - Colico, 33,7km a velocità di crocera.
Chiunque volesse seguire il live della corsa, può farlo iscrivendosi al gruppo su WhatsApp: L.T.T. Meda-Livigno 189km" inviando un messaggio, sempre su WhatsApp al +39 347 5757103, con scritto: "LTT 189k", provvederò ad aggiungervi per tempo.

Letto 421 volte Ultima modifica il Martedì, 24 Luglio 2018 20:32

Articoli correlati (da tag)

  • Martinengo: viaggio nel tempo e nello spazio Martinengo: viaggio nel tempo e nello spazio

    Nuovo incontro e nuova meta da raggiungere. Non siamo molto lontani da casa. Martinengo, località in provincia di Bergamo si trova a poco meno di un’ora di strada.
    E’ sabato pomeriggio, il contro esodo è ormai agli sgoccioli e il viaggio è tranquillo e scorrevole. Raggiungiamo agevolamento il punto di ritrovo e in un attimo scopriamo cosa sia il “filandone” che più volte ci hanno indicato. In quella che una volta era una fabbrica tessile, è stato ricavato un luminoso e piacevole spazio dove presenterò il mio libro. Facile capirlo ora, che siamo qui. La luce e la panoramica che si apre d’innanzi agli occhi, fa uno strano effetto. Senz’altro piacevole, ma inaspettato.
    Da quassù dominiamo i tetti dei caseggiati antistanti. La bella giornata e il cielo azzurro amplificano il piacere della vista. Si ha l’impressione di trovarsi all’interno di una struttura gotica, una cattedrale. Le ampie vetrate arcuate invitano al silenzio e alla meditazione, ma tra poco tocca a me tenere le fila del discorso. C’è una bella platea, attenta e sensibile. Finalmente una bella occasione per presentare il mio libro e la mia storia.
    A conclusione le domande e i riscontri delle persone convenute. Il tutto come nelle migliori delle situazioni possibili, ma non finisce qui.
    Decidiamo di esplorare questo borgo. Ormai si è fatta sera e optiamo per una cena in loco. La cittadina si articola intorno a un piccolo centro medioevale, con una torre e un castello, anche questo di dimensioni molto ridotte, ma che domina nelle sue giuste proporzioni. Ci concediamo una pausa conviviale all’interno delle mura. Squisita e ottima. Il vino fa il suo effetto appagante e il piacere di trovarsi in un luogo ideale si amplifica di conseguenza. Martinengo, nella sua semplicità ci ha conquistato. Ne prendiamo atto e un po’ dispiaciuti facciamo rientro verso casa. Il buio e le tenebre prendono il sopravvento, ma ancora una volta rimaniamo colpiti e affascinati da una nuova scoperta inaspettata e piacevole. Arrivederci a Martinengo.

  • Quando i nodi vengono al pettine sulla testa di noi glabri. Quando i nodi vengono al pettine sulla testa di noi glabri.

    Tutti i nodi vengono al pettine. Anche sulla testa di chi i capelli non li ha più da tempo.
    33 km in una volta posson bastare. Ripetersi a nemmeno 24h dalla prima performance era, più che altro, l'ultimo tentativo estremo di credere nelle favole. Meglio così, torno coi piedi per terra, colmi di bolle, di vesciche e ammetto il mio limite umano, di cui tra l'altro ne sono pienamente consapevole.
    Modifichiamo programmi e tabelle d'allenamento dandogli una parvenza più genuina e concreta. Oggi doveva essere la volta per effettuare una corsa distensiva da Abbadia Lariana a Colico. I piani sono saltati subito. Stamattina ho dimenticato a casa il Gps. Se non altro utile per rivedere l'istantanea "Relive" del percorso.
    Partito da Abbadia, il poblema primo, che mi ha accompagnato per tutto il tragitto, è stato quello di dover correre sulla provinciale a ciglio strada. Non è né un'idea intelligente né distensiva. Purtroppo era l'unica. Non solo il traffico automobiistico mette in soggezione, ma la presenza di buche nascoste che inglobano e rovesciano il piede, aggiungono ulteriore suspance a questo viaggio più simile a un film horror che a una passeggiata fuori porta. Comunque il lago è sempre il lago. Esattamente come il treno è sempre il treno: bello e spettacolare. Passare in auto da questi luoghi e osservarli lentamente a piedi sono cose assolutamente diverse tra loro. La buona sorte ha voluto che decidessi di porre il mio limite quotidiano a Varenna. Ho avuto modo di fare qualche fotografia, ma la situazione, specie ora in estate, è quella delle più classiche atmosfere dei film di Richard Curtis. Insomma, l'ego podistico va a farsi benedire e gia si sognano we con la mia dolce metà a gustarsi una piacevole colazione in piazzetta. Domani rimetterò i panni da podista disperato. Riprendo in mano le mie ambizioni e correrò i 20 km che separano Varenna da Colico che ho lasciato oggi per strada.

     

  • LTT: Long Travel Training, ovvero è ora di partire per le vacanze. LTT: Long Travel Training, ovvero è ora di partire per le vacanze.

    LTT

    LTT è l'acronimo di Long Travel Training da me coniato.


    Di cosa si tratta.

    Ho deciso di sfruttare i giorni precedenti al mio soggiorno estivo a Livigno, per effettuare un avvicinamento a tappe tutto di corsa.

    Il lungo viaggio che separa casa dal mio approdo vacanziero diventerà quindi teatro d'allenamento.


    Cosa prevede.

    189 km, da Meda a Livigno, spezzati e percorsi in 5 tronconi:

    1. 24/07 Meda - Lecco: 32,2 km

    2. 25/07 Abbadia Lariana - Colico: 33,7 km

    3. 26/07 Dubino - Sondrio: 36 km

    4. 27/07 Sondrio - Tirano: 26,4 km

    5. 28/07 Brusio - Livigno: 43 km


    Come viene impostata la corsa.

    Le distanze previste quotidianamente non sono proibitive eccetto per l'ultima tappa che condurrà al passo Forcola per poi scendere in valle. Il dislivello complessivo di questa 5 giorni si aggira intorno ai +3576 m. Tuttavia è da diverso tempo che non carico le gambe quotidianamente con chilometraggi elevati e sarà quindi questa l'incognita da tenere sotto osservazione.

    Ho previsto di far rientrare all'interno di ogni giornata un allenamento specifico secondo questa sequenza.

    - 1° tappa: 2 km riscaldamento + ripetute (1+2+3+4+5+4+3+2) km con 1 km di recupero tra le prove

    - 2° tappa: lungo in progressione

    - 3° tappa: 10 km riscaldamento + fartlek (5'v+2'l) x 20 + recupero

    - 4° tappa: 3 km riscaldamento + 2 x 10 km + recupero

    - 5° tappa: ascesa lineare


    Perché cimentarsi in questa fatica.

    Al di là dell'utilità o meno di ciò che mi propongo, il desiderio di fare questa cosa nasce da lontano. Non è la prima volta che per raggiungere una località lo faccia di corsa, ma non è mai avvenuto per distanze così ampie. Nell'ormai lontano 2009 e 2013, avevo fatto voto che se avessi partecipato ai Deaflyimpics game, le Olimpiadi dei sordi, (www.deaflympics.com) avrei raggiunto il santuario di Castelmonte, sopra Cividale del Friuli, di corsa. Non venni convocato, nonostante i meriti sportivi e tutto saltò. Ma non la voglia di provare ciò che per me rimane una piccola impresa da affrontare.

    Andare a Livigno sarà dunque un aperitivo e un test per correre fino a Castelmonte (428 km) e per ridami un tono dal punto di vista atletico, visto che di fare gare non ne voglio parlare al momento.

     

    Sarebbe bello e utile poter aver il supporto di qualche sponsor tecnico e finanziario per sostenermi in questa fase.

    Inoltre chiunque volesse aggregarsi per correre assieme una o più tappe è il benvenuto.

    I miei contatti sono noti, ma li ripeto per chi decidesse di considerare la sponsorizzazione o la corsa in compagnia.

    Su www.ciaorunner.com inoltre potrete trovare l'evento relativo con le informazioni del caso.

     

    Marco Frattini

    347 5757103 WhatsApp o Messenger (causa sordità)

    mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

     

    Buone corse e buone Vacanze a tutti.

     

     

  • Daniele Gambini Piano Concert. Volata finale. Daniele Gambini Piano Concert. Volata finale.

    Sabato 10 marzo, alle ore 16.00 anche per noi ci sarà la resa dei conti. Che succederà? Non lo sappiamo. L'augurio è che il nostro invito al concerto di Daniele Gambini venga accolto il più ampiamente possibile. Innanzi tutto perchè per noi la scommessa è esponenziale. Proponiamo un concerto che ci vede coinvolti e partecipi in prima persona. Il primo incontro con Daniele Gambini risale ormai a molti anni fa. Successe a Cantù in occasione di una delle giornate organizzate dal vulcanico e rimpianto Elio Parodi. Io ero a raccontare la mia esperienza e Daniele la sua. Legati non solo da una situazione di deficit uditivo, ma in particolare e soprattutto, anche se non ne eravamo consapevoli, dalla grande passione per la musica che ci ha oggi portato a convergere in questa avventura e collaborazione. Un incontro che col tempo è divenuto amicizia e complicità d'intenti e di aspettative. Daniele metterà in campo tutta la sua arte e passione. Noi proveremo a supportarlo e a fare in modo che la sua musica venga ascoltata e apprezzata ancora di più. Un grazie doveroso a Donato e a Music Center. Questo piccolo grande evento che stiamo meditando da quasi un anno non sarebbe possibile se non ci fosse l'appoggo e il sostegno in primis di Donato, ma anche di Rita, Davide e Simone che lavorano dietro le quinta per la buona riuscita di questa giornata.
    Vi aspettiamo dunque a Meda da Music-Center in via Valtellina 21. Concedetevi e regalatevi un momento di piacere e di buona musica con Daniele Gambini. L'ingresso è libero.

    "La forza di ogni individuo sta nella propria testa e accanto alle persone cui vuole bene"

  • Pallacanestro S.G.M. Victory: quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. Pallacanestro S.G.M. Victory: quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare.

    Riparte il campionato di basket per la Pallacanestro S.G.M. Victory. Dopo un inizio scottante nelle prime partite di avvio, con sconfitte piuttosto cruenti, arrivano anche le prime soddisfazione in casa bianco-blu. Il nuovo assetto societario che ha portato alla creazione di un doppio schieramento, squadra Bianca e squadra Blu, nella categoria più matura, ha senz'altro bisogno di un periodo ragionevole per poter adattarsi e trovare i giusti incastri delle nuove compagini.
    Le novità che non riguardano solo il roadster d'origine, vede anche la nascità di due nuove categorie: Under 14 e Under 18. Una rivoluzione assoluta che porta a incrementare l'impegno della società Pallacanestro S.G.M Victory, per offrire a un'utenza sempre più ampia la possibilità di avvicinarsi alla pallacanestro, sport che apprezziamo enormemente, a un'età dove sia possibile lavorare maggiormante sulle potenzialità dei singoli individui.
    Il brand IOVEDODICORSA accetta la nuova sfida a fianco della Pallacanestro S.G.M. Victory con l'augurio di poter crescere assieme e conquistare le giuste soddisfazioni sportive a cui si punterà.
    Vi invitiamo a seguire, a tifare e a sostenere la Pallacanestro S.G.M. Victory.
    Per tutte le informazioni e gli aggiornamenti, rimandiamo direttamente alla pagina ufficiale su FB: https://www.facebook.com/SGMVictory/
    "HEI... HO... LET'S GO!!!"

    "La forza di ogni individuo sta nella propria testa e accanto alle persone cui vuole bene"

     

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.